ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Parigi: condivise delle motivazioni della protesta, ma choc per gli scontri


mondo

Parigi: condivise delle motivazioni della protesta, ma choc per gli scontri

Il giorno dopo Parigi condivide la protesta degli studenti, ma non giustifica la violenza dei cassoeurs.Ieri notte, nel quartiere dell’università la Sorbona, la situazione è tornata alla normalità intorno alla mezzanotte. Una libreria è stata incendiata, diversi caffé saccheggiati.

“Sono con gli studenti, sono assolutamente contro il contratto di primo impiego, ma dobbiamo distinguere gli studenti dagli Hooligans”.

Diversi i feriti, tra i quali una trentina di poliziotti. Circa trecento le persone fermate in tutta la Francia.

“È semplicemente anarchia. Né legge, né governo. Vorrei lasciare questo Paese e andare altrove. Non c‘è futuro, solo disperazione”. Domani sarà la terza grande giornata di mobilitazione, barriere metalliche sono state erte nella zona dell’Università della Sorbona, nel tentativo di limitare i danni.
Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Milosevic pianto a Belgrado. Funerali sabato.