ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Processo a Saddam: l'ex dittatore battibecca con i giudici. Escluse le telecamere

Lettura in corso:

Processo a Saddam: l'ex dittatore battibecca con i giudici. Escluse le telecamere

Dimensioni di testo Aa Aa

Saddam Hussein trasforma il suo processo in un comizio e costringe i giudici a estromettere i giornalisti dall’aula. Le esternazioni dell’ex dittatore iracheno hanno convinto il presidente dell’Alto Tribunale Penale di Bagdad, Rauf Abderrahman, a vietare le telecamere. Era da poco iniziata la prima deposizione formale dell’ex dittatore, accusato dell’uccisione, nel 1982, di 148 persone nel villaggio di Dujail, quando si è acceso un vivace dibattito tra il presidente della corte e l’ex rais. Saddam ha definito il processo una “farsa” e ha esortato gli iracheni a resistere agli invasori invece che uccidersi gli uni con gli altri. Davanti ai giudici si è presentato come il capo legittimo dello stato e delle forze armate.

L’atteggiamento non è piaciuto al presidente della corte che ha vietato le riprese per impedire che la deposizione dell’ex dittatore si trasformasse in un comizio politico. Insieme a Saddam Hussein sono sotto processo sette suoi collaboratori, tra cui il fratellastro, Barzan Ibrahim al Hassan, ex capo dei servizi segreti, che ha negato ogni coinvolgimento nella strage e ha accusato George Bush di violare i diritti degli iracheni.