ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Faccia a faccia Berlusconi-Prodi: per i sondaggi ha vinto il professore

Lettura in corso:

Faccia a faccia Berlusconi-Prodi: per i sondaggi ha vinto il professore

Dimensioni di testo Aa Aa

Tanto atteso, il primo dibattito televisivo tra i due aspiranti premier si è svolto in Italia senza sorprese né colpi di scena. Silvio Berlusconi ha utilizzato gran parte del tempo a sua disposizione per parlare dei risultati dei suoi cinque anni di governo, criticando la precendente gestione da parte del centro sinistra.

Se i commentatori politici all’unanimità hanno definito il faccia a faccia “noioso”, secondo due sondaggi lo sfidante Romano Prodi ha prevalso. “Non posso prendere sul serio Prodi quando dice ‘io voglio, io faccio, io dico’ perché sappiamo che alle sue spalle ha una coalizione che non soltanto è in lite su tutto ma gli ha dato solo cinque deputati. Quindi non ha una sua forza politica – ha detto Berlusconi – E’ un uomo che è già stato mandato via quando a D’Alema e al partito comunista ha fatto comodo sostituirsi a lui. Abbiamo già visto un brutto film e ce ne farà vedere un altro.” Berlusconi ha citato positive previsioni di crescita economica per il futuro. Ma Prodi ha ribattuto: “Non ci bastano le previsioni. Abbiamo avuto troppi anni di previsioni che sono state mancate: la crescita che doveva essere del 2,5% e che è stata essenzialmente dello 0%, tutti anni di questo tipo. Noi non possiamo più andare avanti in questo modo. Abbiamo bisogno di un quadro preciso con cui poter governare il nostro paese, quando dovremo governarlo”. In campo economico Prodi ha promesso di disincetivare il lavoro precario e diridurre il divario fiscale tassando le rendite finanziarie e riducendo l’evasione fiscale. Il secondo e ultimo dibattito tra i leader si terrà il 3 aprile.