ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia. Contratto di primo impiego. De Villepin non convince gli studenti

Lettura in corso:

Francia. Contratto di primo impiego. De Villepin non convince gli studenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Le proteste di piazza fanno scricchiolare le certezze del primo ministro francese. Dominique de Villepin ha ammesso che la legge sul contratto di primo impiego può essere migliorata.

“La legge che è stata votata sarà applicata. Ma mi auguro di completarla con delle nuove garanzie che dovranno essere negoziate con le parti sociali”. La legge permetterà ai datori di lavoro di licenziare senza giusta causa nei primi 2 anni i giovani con meno di 26 anni assunti con contratto a tempo indeterminato. De Villepin ha proposto di aumentare l’assegno di disoccupazione per chi viene licenziato e di istituire un tutor che aiuti i giovani a inserirsi nel nuovo contesto lavorativo. Proposte che non hanno raccolto consensi. “Il primo ministro non vuole davvero trovare un compromesso – afferma questo studente – noi continueremo a protestare finchè non capirà cosa succede nel paese”. “Ha detto che la situazione è precaria – aggiunge questa studentessa – questa legge aggrava la precarietà. Non possiamo accettarlo”. Assemblee generali sono previste a partire da oggi in molti licei e università francesi, compresa la Sorbona occupata nei giorni scorsi ed evacuata dalla forze dell’ordine. Le associazioni studentesche, i sindacati e i partiti di sinistra hanno annunciato per sabato prossimo la terza giornata di mobilitazione generale contro la legge.