ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli arabi rinunciano alla gestione dei porti Usa

Lettura in corso:

Gli arabi rinunciano alla gestione dei porti Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

La società araba Ports World ha rinunciato alla gestione diretta dei porti americani evitando al presidente Bush un duro scontro con il Congresso. Vista la forte contestazione parlamentare la compagnia di Dubai ha deciso di trasferire a non meglio specificati “soggetti statunitensi” gli appalti vinti in America.

Il Senato sta a guardare per capire se la mossa rappresenti una vera marcia indietro o sia solo un artificio per placare le polemiche. Ieri una commissione della Camera dei rappresentanti aveva bocciato con 62 voti contro 2 l’affidamento di sei scali marittimi degli Stati Uniti alla compagnia statale degli Emirati Arabi Uniti. I timori di attentati sono stati più forti dell’insistenza del presidente George Bush. E a nulla è valso l’intervento del segretario di stato americano Condoleezza Rice per sottolineare come gli Emirati Arabi siano stati buoni alleati nella lotta al terrorismo. Gli alti ranghi militari hanno anche indicato l’importanza strategica delle operazioni permesse alle forze statunitensi dal porto di Dubai. La Dubai Ports World aveva rilevato le attività americane dalla britannica P&O.