ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Più autonomia alle scuole pubbliche nel progetto proposto da Blair

Lettura in corso:

Più autonomia alle scuole pubbliche nel progetto proposto da Blair

Dimensioni di testo Aa Aa

Rendere la scuola pubblica più competitiva introducendo i meccanismi del libero mercato. Il premier britannico Tony Blair ha presentato il progetto di legge sull’autonomia delle scuole: un progetto che Blair considera il cavallo di battaglia del suo terzo mandato. Ma già si levano le critiche di chi teme la creazione di istituti di serie A e serie B.

Ruth Kelly, ministro dell’Istruzione, è convinta della bontà della proposta: “Sono certa che i miei colleghi si troveranno d’accordo su questo progetto di legge che da alle scuole la libertà necessaria per raggiungere standard più elevati”. La riforma stimola la competizione fra gli istituti permettendo di cercare finanziamenti privati. Maggior libertà nello stabilire condizioni di lavoro, salario del personale e la possibilità, infine, d’affidare la gestione a imprese, gruppi di genitori, associazioni di varia natura. Un progetto paradossalmente sostenuto da molti conservatori e osteggiato in primis da alcuni laburisti di Blair. “La proposta del governo ha fatto grandi passi dopo le critiche che abbiamo avanzato prima di Natale – spiega il deputato laburista John Deham – ma ci sono ancora molte modifiche da apportare”. Una situazione imbarazzante per Blair e che potrebbe rendere rovente la discussione in parlamento prevista per il 15 marzo.