ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gdf-Suez, Bruxelles monitorerà fusione

Lettura in corso:

Gdf-Suez, Bruxelles monitorerà fusione

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha avuto un primo risultato la visita del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, a Bruxelles, dove ha illustrato i dubbi del governo sulla fusione tra Gaz de France e Suez che ha fermato l’avanzata di Enel.

Tremonti ha avuto un colloquio col commissario europeo per il mercato Interno Charlie MacCreevy, alla fine del quale ha ottenuto la promessa che la Commissione europea vigilerà sull’operazione, e analizzerà le perplessità sollevate del governo italiano.

Difende invece la fusione tra Gaz de France e Suez il primo ministro francese Dominique de Villepin, definendola un gesto di patriottismo e non di protezionismo economico.

Suez aveva raffreddato sin da subito gli approcci di Enel, per focalizzarsi invece sul matrimonio con la connazionale: “Se Enel attacca noi di ci difenderemo. Da Enel o da chiunque altro. Abbiamo un magnifico progetto che vogliamo realizzare. Lo realizzeremo, ci batteremo per questo. E dimostreremo che non c‘è un altro progetto in grado di creare piu’ valore per i nostri azionisti”, ha detto Gerard Mestrallet, presidente di Suez.

Intanto giungono incoraggiamenti per Enel. Il Financial Times ha consigliato al gruppo italiano di non rinunciare alla battaglia per Suez.