ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le vignette continuano a infiammare l'Islam: ignorati gli appelli alla calma

Lettura in corso:

Le vignette continuano a infiammare l'Islam: ignorati gli appelli alla calma

Dimensioni di testo Aa Aa

Non si arresta la rabbia mussulmana per le caricature danesi su Maometto. Nel nord dell’Afghanistan oggi sono rimasti uccisi almeno quattro manifestanti durante l’attacco al comando della forza internazionale della Nato, l’Isaf, dove si trovano una trentina di militari norvegesi e finlandesi. Anche l’ambasciata e il comando italiani a Kabul sono stati presi di mira. Il bilancio è di qualche ferito, ieri erano morte almeno quattro persone.

In Egitto, al Cairo, sono scesi in piazza migliaia di studenti, mentre a Teheran l’ambasciata danese è stata presa d’assalto per il secondo giorno consecutivo: un vasto gruppo di manifestanti è riuscito a penentrare nel perimetro dell’edificio lanciando pietre e molotov. In Algeria hanno risposto in tre mila all’appello di un partito islamico moderato in un impianto sportivo della capitale per protestare contro i disegni del profeta definiti una “provocazione” e un “insulto ai mussulmani”. A Bassora, in Iraq, sono scesi in piazza anche donne e bambini.