ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stati Uniti, aperto il primo processo direttamente legato all'11 settembre

Lettura in corso:

Stati Uniti, aperto il primo processo direttamente legato all'11 settembre

Dimensioni di testo Aa Aa

Si apre oggi negli Stati Uniti con la selezione dei giurati il primo processo direttamente legato agli attentati dell’Undici settembre. La corte federale della Virginia, poco lontano da Washington, dovrà decidere se Zacarias Mousssaoui poteva o no permettere all’Fbi di impedire la strage. Cittadino francese di origini marocchine, Moussaoui si è dichiarato colpevole di terrorismo, ha ammesso di essere stato addestrato in Afghanistan e di avere ricevuto ordini da Bin Laden. Ma nega di aver partecipato agli attentati alle torri gemelle e al Pentagono.

E’ certo che Moussaoui non ha preso parte direttamente agli attacchi: l’undici settembre si trovava infatti sotto custodia statunitense. Era stato arrestato in agosto. Ai giudici il compito di stabilire se Moussaoui fosse a conoscenza dei piani per gli attentati e abbia mentito per aiutare i suoi complici. “Quest’uomo – dice il giurista Jonathan Turley – viene giudicato per crimini che anche secondo l’intellegence Americana e europea non ha commesso. Anche se senza dubbio è un terrorista”. Moussaoui è l’unica persona incriminata negli Stati Uniti per la strage che costô la vita a oltre 3 mila persone. Nel processo che si apre oggi dopo una lunga serie di rinvii, rischia l’ergastolo o la pena di morte.