ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cominciato il riconoscimento dei cadaveri del naufragio nel mar Rosso

Lettura in corso:

Cominciato il riconoscimento dei cadaveri del naufragio nel mar Rosso

Dimensioni di testo Aa Aa

È iniziato per i parenti delle vittime del naufragio nel mar Rosso il difficile processo di riconoscimento dei propri cari. Le autorità egiziane hanno allestito un hangar dove vengono proiettate le foto dei 195 corpi recuperati fino ad oggi. Sulle millequatrocento persone a bordo i sopravvissuti sono più di quattrocento. Tra questi un bambino di sei anni che ha passato 36 ore in acqua. Adesso si trova all’ospedale di Hurghada e dopo i primi accertamenti le sue condizioni sono state dichiarate soddisfacenti. Non si ha invece nessuna notizia dei genitori che si trovavano con lui a bordo del traghetto.

Si sono appresi intanto nuovi particolari sulle circostanze dell’incidente avvenuto nella notte tra giovedì e venerdi. Il terzo ufficiale ricoverato in un ospedale saudita ha detto che durante le operazioni per spegnere l’incendio sull’al-Salam 98, l’acqua ha invaso il garage da dove e’ partito il fuoco e la nave si e’ inclinata. Al porto di Safaga, in Egitto, dove sarebbe dovuta arrivare la nave è sempre alta la tensione tra i parenti dei passeggeri e le forze dell’ordine. L’accesso allo scalo portuale è sempre strettamente sorvegliato e in molti hanno l’impressione che si voglia in qualche modo nascondere la verità.