ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un incendio forse la causa del naufragio nel Mar Rosso. 200 i morti ma ci sono 800 dispersi

Lettura in corso:

Un incendio forse la causa del naufragio nel Mar Rosso. 200 i morti ma ci sono 800 dispersi

Dimensioni di testo Aa Aa

I superstiti del naufragio della motonave al-Salam 98 stanno aiutando le autorità a far luce sulle cause della tragedia. Secondo le testimonianze raccolte un incendio si sarebbe svillupato nella sala macchine dell’imbarcazione che ha continuato lo stesso a navigare per alcune ore.Intorno alle tre di notte locali il traghetto partito da Duba in Arabia e diretto a Safaga in Egitto si e rovesciato ed è affondato in qualche minuto.

“Ci hanno lasciato alla deriva per ore e nessuno è venuto a cercarci. La fuori ci sono ancora persone vive e nessuno le va ad aiutare”, spiega un superstite. Le cifre dei sopravvissuti si aggirano intorno ai 350. Circa 200 corpi sono stati recuperati e 800 persone risultano disperse. “Stavo indossando il giubbotto di salvataggio quando ho visto il capitano che per primo lasciava la nave prima che affondasse”, racconta un giovane. Appena la notizia del naufragio è stata diffusa dai media, centinaia di persone hanno raggiunto il porto nel tentativo di ottenere notizie sui propri familiari a bordo del traghetto. Qui hanno cercato di superare il cordone messo in piedi dai militari egiziani e sono scoppiati degli scontri. Le ricerche dei dispersi continuano oggi con l’ausilio di mezzi aerei e navali. L’incidente ha provocato la reazione del presidente egiziano Mubarak, che ha promesso una inchiesta rapida e imparziale sulle cause e le responsabilità del disastro.