ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Israele diffidenza nei confronti di Hamas

Lettura in corso:

Da Israele diffidenza nei confronti di Hamas

Dimensioni di testo Aa Aa

La posizione del governo di Israele è stata ribadita nero su bianco. In un comunicato, il premier ad interim Ehud Olmert ha affermato che non ci saranno trattative possibili con un governo palestinese che includesse membri “di un’organizzazione terroristica armata che si propone la distruzione di Israele.

Da destra, l’ex alleato Benjamin Netanyahu riversa la colpa su Ariel Sharon: “I palestinesi hanno visto il ritiro israeliano come il risultato del terrorismo di Hamas, per questo l’hanno ricompensato alle urne”. Per essere sicuri che nessuno dimentichi i precedenti di chi ora si appresta a governare nei Territori palestinesi, a Gerusalemme di fronte a un ristorante colpito da un attentato di Hamas nel 2002 si sono radunati i familiari delle vittime. “Penso che Hamas sia un’organizzazione terroristica e per Israele è una disgrazia perché una volta al potere commetteranno ancora più attentati”, dice una signora. Pur non avendo eliminato dal proprio atto costitutivo il proposito di cancellare lo stato ebraico, Hamas rispetta una tregua da quasi un anno.