ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La sfida di Hamas ad al-Fatah. Barghuti: "Verso la democrazia"

Lettura in corso:

La sfida di Hamas ad al-Fatah. Barghuti: "Verso la democrazia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Per quaranta anni il suo nome ha coinciso con l’idea stessa della resistenza palestinese. Al-Fatah d’altra parte, sotto la leadership di Yasser Arafat, è cresciuto come un partito-omnibus: all’interno molte e diverse anime, ma nell’insieme il solo gruppo politico capace di dominare la scena e le istituzioni palestinesi.

Sugli 88 seggi del Consiglio legislativo uscente, 49 (o 64 se si contano gli indipendenti) fanno capo ad al-Fatah. Ovvio quindi che su di esso si abbattano anche le critiche per la gestione delle ultime fasi: dieci anni al potere senza nessun miglioramento. Critiche respinte dai dirigenti come Mohamed Dahlan, che spiegano l’impasse con le opposte pressioni da parte di Israele e di Hamas.“Spero che i palestinesi sappiano scegliere e votino per al-Fatah”, dice. “Hamas non ha esperienza politica, sa solo urlare slogan, ma questo non basta per governare”. Hamas in effetti, non è rappresentata nel parlamento palestinese, non avendo partecipato alle elezioni del 1996. Ma la sua azione politica degli ultimi anni ha puntato a denunciare l’inutilità dei negoziati con Israele e a erodere il consenso attorno ad al-Fatah, presentato come un partito corrotto e frantumato. Ma queste elezioni potrebbero costituire un punto di svolta per i militanti del radicalismo islamico. E’ ciò che sostiene Marwan Barghuti, candidato con al-Fatah e condannato a diversi ergastoli in Israele. “Per anni ho provato a convincere Hamas a partecipare alle elezioni”, dice Barghuti dal carcere, “dunque sia benvenuta questa decisione. La partecipazione di Hamas alle elezioni implica il riconoscimento del principio democratico. Vuol dire che sono pronti a lavorare rispettando le regole della legge e della democrazia, il che è estremamente importante”. Se i sondaggi della vigilia verranno confermati, non saranno solo gli scranni del Consiglio legislativo palestinese che al-Fatah dovrà condividere con Hamas, ma probabilmente, come sottolineano molti osservatori, anche lo stesso potere esecutivo.