ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alle urne anche Gerusalemme est (ma alle condizioni decise da Israele)

Lettura in corso:

Alle urne anche Gerusalemme est (ma alle condizioni decise da Israele)

Dimensioni di testo Aa Aa

A Gerusalemme est, occupata da Israele nel 1967, i palestinesi non avrebbero dovuto votare, secondo lo stato ebraico. Poi, sottoposto a pressioni internazionali, ha ceduto. Alle sue condizioni, però.

I 123mila elettori palestinesi potranno votare o nei sei uffici postali di Gerusalemme est, o alla periferia della città. Le urne allestite alla posta possono però accogliere solo seimila schede. Per Menachem Klein, negoziatore agli accordi di Ginevra, “il piano di Israele è di dare l’ennesimo giro di vite a Gerusalemme est, rendendo ancora più rigido il suo controllo sulla zona araba della città.” La politica delle colonie rientra nella stessa ottica di annessione, nella Città Santa come in Cisgiordania. A Gerusalemme est gli israeliani acquistano le case dei palestinesi, vi si insediano, circondandosi di filo spinato e uomini di guardia, giorno e notte. I 230mila palestinesi della zona est della città si trovano sparpagliati tra le colonie ebraiche. Il muro di sicurezza li separa adesso dalla Cisgiordania, perché la barriera non divide solo gli israeliani dai palestinesi, ma anche i palestinesi dai palestinesi. Il muro ha un tracciato che a volte spezza interi quartieri. C‘è chi rientra allora nella circoscrizione di Gerusalemme, e chi in Cisgiordania. Per qualcuno trasferirsi diventa una scelta obbligata. “La nostra vita è tutta a Gerusalemme: per i documenti, i timbri, le scuole, gli ospedali – è tutto lì. Vado in Cisgiordania, a Ramallah, una volta all’anno soltanto.” “I palestinesi ormai hanno perso Gerusalemme, dice un militante dell’organizzazione “Fermate il Muro”. Il tracciato intorno alla città è quasi completato. Taglia fuori Gerusalemme dal resto della West Bank.” Muro o non muro, di fatto la città rappresenta solo 6 dei 132 seggi del parlamento palestinese. Resta la sua enorme valenza simbolica. Muro o non muro i palestinesi restano certi che un giorno Gerusalemme est sarà la loro capitale.