ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Precipita un Antonov slovacco. Si salva uno dei 43 militari a bordo

Lettura in corso:

Precipita un Antonov slovacco. Si salva uno dei 43 militari a bordo

Dimensioni di testo Aa Aa

Non resta quasi niente dell’Antonov-24 precipitato sulle montagne del nordest dell’Ungheria. Sull’aereo militare slovacco viaggiavano 43 persone. Le vittime sarebbero 42, ma si cercano ancora i corpi. Il velivolo stava tornando dal Kosovo dove i soldati partecipano all’operazione di pace della Kfor. Il bilancio fornito in precedenza dalle autorità slovacche era di 44 morti.

Un soldato che si è miracolosamente salvato è stato subito trasportato in ospedale dove viene curato per ustioni e per un trauma cranico. Secondo quanto si è appreso il sopravvissuto subito dopo lo schianto ha chiamato al telefono la moglie per informarla dell’incidente e chiedere di allertare i soccorsi. Per il momento non c‘è nessuna indicazione sulle cause dello schianto. Si sa solo che la zona dove l’aereo è precipitato è difficile d’accesso per i soccorritori. L’Antonov che era partito da Pristina, capoluogo del Kosovo, è precipitato nei pressi di Telkibanya a 250 chilometri da Budapest e a venti chilometri da Kosice in Slovacchia dove era diretto. Sono un centinaio i militari slovacchi integrati nella brigata multinazionale della Nato in Kosovo. L’unità, che si trova a Sajkovac, è sotto comando ceco.