ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costa d'Avorio, l'Onu non emette sanzioni immediate ma continua a minacciarle

Lettura in corso:

Costa d'Avorio, l'Onu non emette sanzioni immediate ma continua a minacciarle

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu si è riunito per discutere dei disordini in Costa d’Avorio ma, pur continuando a minacciarle, ha deciso di non deliberare subito delle sanzioni.

Il timore è che non avendo più nulla da perdere i responsabili ivoriani permettessero ulteriori peggioramenti della situazione. Il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha ammonito: “Quanti si comportano in questo modo devono capire che arriverà il momento in cui dovranno rispondere delle loro azioni e della distruzione che stanno seminando nella loro stessa società.” Nel paese, diviso dal 2002 dal conflitto tra nord ribelle e sud filogovernativo, la situazione è deteriorata lunedì quando la commissione internazionale responsabile del processo di pace ha dichiarato decaduto il parlamento. L’altro ieri il presidente Laurent Gbagbo aveva chiesto ai suoi seguaci di riportare la situazione alla calma. Ma il fatto che gli scontri siano proseguiti ha lasciato molti pensare che Gbagbo abbia fatto il doppio gioco. Nelle ultime ore, però, a seguito della riunione all’Onu, i manifestanti ad Abidjan hanno cominciato a disperdersi. L’Onu ha minacciato il congelamento dei beni e il divieto di espatrio ai responsabili delle violenze.