ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran: siamo aperti al compromesso ma non rinunceremo al nucleare civile

Lettura in corso:

Iran: siamo aperti al compromesso ma non rinunceremo al nucleare civile

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Iran dice di non avere chiuso la porta al compromesso sul dossier nucleare, ma non vuole rinunciare al suo programma di ricerca. Lo ha ribadito oggi Teheran, mentre il presidente Mahmoud Ahmadinejad si è recato in visita in Siria, un paese che come l’Iran sta subendo forti pressioni internazionali.

Alla riunione dell’Aiea del 2 febbraio l’Europa, con l’appoggio statunitense, intende chiedere all’Agenzia per l’energia atomica di portare il caso iraniano al Palazzo di vetro. La Cina tuttavia ha invitato ancora alla diplomazia e alla prudenza. “Ora tocca all’Iran fare un passo avanti – ha detto a Washington il segretario di stato Condoleeza Rice – Devono dimostrare che non sono solo parole le loro, che sono seri. L’Unione europea ha già reso chiaro fino a che punto è disposta a trattare. E ora credo che non possa fare altro”. Il rappresentante della diplomazia europea Javier Solana le ha fatto eco: “La nostra posizione è questa: all’Aiea a Vienna chiederemo la convocazione dell’Iran al Consiglio di sicurezza”. Solana ha tuttavia aggiunto che si sta ancora considerando la nuova proposta russa di lasciare tempo a Teheran e di rinviare la questione almeno fino a marzo. L’Iran ha ripreso le attività per l’arricchimento dell’uranio in gennaio dopo averlo volontariamente sospeso per circa tre anni.