ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Immigrazione: l'Europa propone squadre di medici e interpreti per un intervento rapido

Lettura in corso:

Immigrazione: l'Europa propone squadre di medici e interpreti per un intervento rapido

Dimensioni di testo Aa Aa

Scene come quella dell’assalto alle enclavi spagnole di Ceuta e Melilla, a settembre, hanno spinto i politici europei ad interrogarsi sulle misure necessarie. A Vienna i ministri dell’interno europei hanno approvato la creazione di squadre d’intervento rapido composte da medici e interpreti per aiutare gli stati membri a fronteggiare l’afflusso in massa di immigrati. Dovrebbero essere operative entro l’estate.

Spiega il commissario europeo alla giustizia e alla sicurezza, Franco Frattini: “Il nostro obiettivo non è di creare nuove amministrazioni, ma di dare risposte pratiche a persone disperate che hanno bisogno di aiuto”

Sulla questione dell’asilo, si fa strada ancora una volta l’idea dei cosidetti paesi sicuri. Un rifugiato proveniente da un paese considerato non a rischio, potrà vedersi rifiutata la domanda d’asilo. La commissione metterà a punto una lista entro fine mese.

Per frenare l’afflusso di immigrati nell’Unione, Bruxelles ha proposto inoltre di creare dei centri di accoglienza in Tanzania, Bielorussia, Ucraina, e Moldova. I progetti pilota partiranno a giugno.
La riunione dei ministri dell’interno continuerà sabato.