ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il dossier nucleare iraniano al Consiglio di Sicurezza. Teheran a rischio sanzioni

Lettura in corso:

Il dossier nucleare iraniano al Consiglio di Sicurezza. Teheran a rischio sanzioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Teheran a rischio sanzioni economiche. L’eventualità non è dietro l’angolo ma oggi la trojka europea, Germania, Gran Bretagna e Francia, ha deciso a Berlino di prendere provvedimenti visto che la via diplomatica ha avuto scarso effetto sull’Iran. Due giorni fa sono stati infatti levati i sigilli a diversi centri di ricerca e sviluppo nucleari.

“Ci siamo resi conto che il dialogo con l’Iran è giunto a un punto morto, ha detto Frank Walter Steinmeier, ministro degli esteri tedesco. Restiamo comunque disponibili a risolvere la questione attraverso discussioni multilaterali e mezzi pacifici.” Sarà dunque l’agenzia dell’Onu per l’Energia Atomica, quindi il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, a trattare lo spinoso dossier del nucleare iraniano. Il ministro degli esteri francese ha sottolineato la necessità di avere l’appoggio di tutta la comunità internazionale. “Le proposte europee andranno evidentemente condivise dai russi, dai cinesi, e così via, ha detto Philippe Douste-Blazy, perché la reazione possa essere davvero unanime.” Teheran non ha ancora commentato l’iniziativa europea, anche se nei giorni scorsi il presidente Ahmadinejad ha detto che il suo paese non si sarebbe lasciato intimidire. La decisione unilaterale presa da Teheran implica la ripresa del programma di arricchimento dell’uranio, necessario a produrre l’arma atomica. L’Europa oggi ha precisato che la decisione presa non implica alcuna ostilità nei confronti del popolo iraniano.