ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ali Agca da stamani in libertà. Irrisolti i misteri sull'attentato al Papa

Lettura in corso:

Ali Agca da stamani in libertà. Irrisolti i misteri sull'attentato al Papa

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà scarcerato questa mattina Ali Agca. L’attentatore di Papa Giovanni Paolo II varcherà il cancello della prigione speciale di Kartal, a Istanbul, in libertà condizionata.

Lunedì la magistratura turca gli ha riconosciuto una serie di benefici e di sconti di pena, accumulati anche grazie alla buona condotta. Subito dopo il rilascio sarà però accompagnato al Distretto militare della città dove sarà sottoposto a una visita medica. Non avendolo mai fatto, l’uomo potrebbe essere costretto a svolgere il servizio di leva. Agca non si trovava più in carcere per l’attentato al Papa: infatti nel 2000,anno del Giubileo, il presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi lo aveva graziato – con il consenso del Vaticano – dopo quasi 20 anni di di reclusione. L’ex “lupo grigio” era stato però subito estradato in Turchia, dove era stato condannato per una rapina e per l’uccisione di un giornalista, avvenute nel 1979. Sui motivi che lo spinsero a cercare la morte del pontefice, e soprattutto sui mandanti, non c‘è stata mai chiarezza. Forse nel suo incontro con Karol Wojtyla, nel 1983, confidò a lui stesso la verità. Si è a lungo parlato di una pista bulgara: cioè di un attentato commissionato dai servizi segreti di Sofia, su disposizione del Kgb sovietico. Ma Agca, dopo averal accreditata, ha spesso cambiato versione. Secondo l’ex giudice istruttore dell’attentato al Papa, Rosario Priore, c‘è il rischio che Agca ora sparisca dalla circolazione, come successo a tanti membri dell’organizzazione dell’estrema destra nazionalista turca dalla quale proveniva. In tanti sperano, forse inutilmente, che Ali Agca parli, una volta per tutte. Se non altro per la storia.