ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costituzione: "Bisogna coinvolgere maggiormente i cittadini"- l'opinione degli eurodeputati

Lettura in corso:

Costituzione: "Bisogna coinvolgere maggiormente i cittadini"- l'opinione degli eurodeputati

Dimensioni di testo Aa Aa

La settimana prossima anche il Parlamento europeo affronterà la questione del futuro della costituzione. Secondo un rapporto, il testo dovrebbe entrare in vigore al massimo nel 2009, per rendere piú efficienti le istituzioni dell’Europa allargata. Spiega Elmar Bork, presidente della commissione affari esteri:

“Dobbiamo essere sicuri che le preoccupazioni espresse dalla gente siano prese in considerazione. Questo vuol dire ad esempio prendere un impegno chiaro, su quanto è scritto nella costituzione, riguardo al principio di sussidarietà, al ruolo dei parlamenti nazionali, e alla necessità di coinvolgere maggiormente i cittadini europei nel processo decisionale dell’Unione”

L’agonia della costituzione è iniziata con il no della Francia nel referendum del 29 maggio, per il francese Alain Lamassoure, è necessario comunque andare avanti.

“Il trattato costituzionale firmato a Roma, il 29 ottobre del 2004, quel testo è morto. Ma la necessità di un documento di questo genere è sempre piú forte. Bisognerà fare dunque un bilancio, cosa se ne pensa nei diversi paesi, quali sono i punti su cui si è tutti d’accordo, quali sono i punti problematici, dopo aver fatto un bilancio, bisognerà elaborare un altro testo”

Quattordici paesi tra cui l’Italia, hanno già ratificato la costituzione europea, secondo Marco Incerti del Center for European policy studies, le elezioni in Francia nel 2007, potrebbero dare nuovo slancio al dibattito:

“Ci sarà un cambiamento nel contesto politico, e questo cambiamento dovrebbe essere accompagnato da uno sforzo dei politici e dei media, per informare adeguatemente i cittadini sulle questioni in ballo, questo è l’unico modo per avere un sí all’attuale testo costituzionale”