ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Voli annullati o in ritardo. La corte europea ritiene giusto risarcire i passeggeri

Lettura in corso:

Voli annullati o in ritardo. La corte europea ritiene giusto risarcire i passeggeri

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ una vittoria per i passeggeri aerei. La corte di giustizia europea ha riconosciuto la validità della legge comunitaria del 2004 sugli indennizzi. E’ stato respinto il ricorso presentato dall’ associazione delle compagnie di bandiera e da quella dei low-cost, che ritenevano troppo alti i rimborsi. Easyjet si è rivolta alla commissione europea perché modifichi le norme.

Nel caso in cui il passaggero non possa partire perché vittima dell’overbooking o perché il suo volo è stato cancellato, le compagnie aeree sono tenute a proporre voli alternativi per raggiungere la destinanzione oppure a rimborsare il biglietto.

In piú i passeggeri potranno inoltre reclamare degli indennizzi che vanno dai 250 euro ai 600 euro, a secondo del volo, a breve, medio o lungo raggio.

Le società sono tenute a garantire ai clienti un pasto, un posto in albergo e la possibilità di telefonare.

Se il volo ha un ritardo di piú cinque ore, scatta il rimborso.

Tuttavia ci sono delle circostanze attenuanti come le condizioni meteo, a cui le compagnie potranno far appello per rifiutare di pagare.