ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polemica in Spagna. Un generale ipotizza un intervento militare contro lo statuto catalano

Lettura in corso:

Polemica in Spagna. Un generale ipotizza un intervento militare contro lo statuto catalano

Dimensioni di testo Aa Aa

In Spagna il dibattito sulla riforma dello statuto della Catalogna scalda sempre più gli animi. Un generale ha praticamente minacciato un intervento militare se il testo oltrepassasse i limiti della costituzione spagnola. Il ministro della difesa José Bono lo ha convocato per chiedergli spiegazioni, mentre i partiti nazionalisti e di sinistra vogliono la sua destituzione.

Resa nel giorno della festa delle forze armate, l’inquietante dichiarazione del generale di corpo d’armata José Mena Aguado non poteva che siscitare viva apprensione, in un paese che nella storia recente ha già conosciuto colpi di stato o tentati golpe: “Noi militari abbiamo giurato di rispettare e di far rispettare la costituzione – ha detto tra l’altro Aguado – e per noi un giuramento è una questione d’onore”. La Catalogna, che è una delle regioni più ricche della Spagna, ha recentemente approvato un statuto regionale che rende ancora più ampia la propria autonomia. La polemica verte soprattutto sulla termine “nazione” che figura nel testo. Il parlamento di Madrid non si è ancora pronunciato su un tema che da mesi divide il mondo politico. L’opposizione popolare accusa il governo socialista di prendere l’argomento alla leggera. Il PSOE stigmatizza l’atteggiamento definito irresponsabile del PP, per la partigianeria con la quale impugna la questione.