ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nelle sinagoghe di tutto il mondo si prega per Sharon

Lettura in corso:

Nelle sinagoghe di tutto il mondo si prega per Sharon

Dimensioni di testo Aa Aa

In Europa, come nel resto del mondo, la comunità ebraica è raccolta in preghiera per Ariel Sharon. Alla sinagoga della Vittoria, a Parigi, il Grande Rabbino di Francia Joseph Haim Sitruk ha invitato i fedeli a esprimere “riconoscenza per quest’uomo eccezionale che è stato un combattente, ha tanto amato la terra e il popolo d’Israele e ha restituito dignità all’intero popolo ebraico”, ha detto.

Commossi i partecipanti: “E’ un uomo che ha fatto politica con un grande spirito, non per il potere ma per il bene d’Israele e del mondo”, dice un giovane ebreo..Alla veglia alla Grande Sinagoga di Roma ha voluto essere presente anche il ministro degli esteri e vicepremier italiano Gianfranco Fini, che ha espresso il timore che l’uscita di scena di Sharon chiuda quella ‘finestra di opportunità’ per la pace che grazie a lui si era aperta. Il presidente della Confederazione elvetica Moritz Leuenberger ha inviato un telegramma esprimento la condivisione dei cittadini svizzeri per l’ansia del popolo israeliano. Angoscia tanto più diffusa in Russia e nei paesi dell’ex Unione Sovietica, area dalla quale provengono metà degli immigrati recenti nello stato ebraico.