ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: oltre cento morti in una mattinata

Lettura in corso:

Iraq: oltre cento morti in una mattinata

Dimensioni di testo Aa Aa

In Iraq la violenza oggi si è abbattuta principalmente su Kerbala e Ramadi.

Il primo attentato, nella città santa sciita, ha provocato almeno sessanta vittime e quasi un centinaio di feriti. Un adolescente, presumibilmente legato alla cellula irachena di Al Qaeda (stando alla rivendicazione), si è fatto esplodere vicino al santuario dell’Imam Hussein in mezzo a una folla di pellegrini che in questi giorni accorrono a Kerbala in vista della festa del Sacrificio, la prossima settimana. Il ragazzo indossava una cintura da otto chili di esplosivo. Fonti mediche hanno comunicato che molte delle vittime sono donne e bambini. Sempre a Kerbala, lo scorso maggio, un attentato suicida durante una festività sciita era costato la vita a 90 persone. Duramente colpita oggi anche Ramadi, uno dei principali bastioni ribelli del paese, a nord est di Kerbala. Due autobombe sono esplose di fronte a un centinaio di reclute in coda per essere ammesse nelle nuove forze di sicurezza irachene. Il bilancio è di almeno 50 morti. Si trattava per la maggior parte di giovani alla ricerca di un lavoro. L’attacco è stato quasi contemporaneo a quello di Kerbala. Poco dopo altre autobombe esplodevano nell’est di Bagdad facendo due morti e diversi feriti.