ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sono riprese le trattative a Mosca tra i responsabili del gas russi e ucraini

Lettura in corso:

Sono riprese le trattative a Mosca tra i responsabili del gas russi e ucraini

Dimensioni di testo Aa Aa

Ieri le consegne del combustibile ai clienti europei sono tornate a livelli normali ma le posizioni di Mosca e Kiev non si sono ammorbidite.

Sergei Kupriayanov, portavoce della compagnia russa Gazprom è stato netto: “Dalla delegazione ucraina possiamo aspettarci solo una cosa… se volessero, potrebbero ricevere legalmente gas per i consumatori finali già oggi”. In altre parole, per Mosca l’Ucraina deve accettare i prezzi del mercato occidentale. Kiev ha stimato che gli aumenti nel 2006 porterebbero l’inflazione al 27/30%e causerebbero una riduzione del prodotto interno lordo del 5%. Oggi per discutere del problema si riunirà anche il gruppo di coordinamento per il gas dell’Unione Europea il cui intervento è stato formalmente sollecitato dall’Ucraina e dalla Moldova, altro paese colpito dagli aumenti russi. La crisi interessa gran parte dell’Europa: nel colore più scuro sono evidenziati i paesi ai quali la Russia consegna gas attraverso le condutture ucraine. Mosca, lo ha già fatto il primo gennaio, può immettere meno gas ma non può impedire tecnicamente che l’Ucraina continui a servirsi da sola, come è accusata di fare. L’Austria, presidente di turno dell’Unione, ha respinto la richiesta di Mosca di far pressione sulle autorità ucraine.