ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via la campagna elettorale palestinese con l'incognita Gerusalemme est

Lettura in corso:

Al via la campagna elettorale palestinese con l'incognita Gerusalemme est

Dimensioni di testo Aa Aa

È iniziata simbolicamente alla Muqata la campagna elettorale di al-Fatah per le politiche palestinesi del 25 gennaio. Attorno alla tomba di Yasser Arafat il vice primo-ministro Nabil Schaat ha enunciato una sorta di programma del movimento del presidente Mahmud Abbas: proseguire la lotta contro l’occupazione e per la costituzione di uno Stato palestinese indipendente.

Ma sulle elezioni pesa l’incognita di Gerusalemme est. Come ogni volta le autorità israeliane impediscono ai palestinesi di fare campagna elettorale. Alla porta di Damasco la polizia ha bloccato prima la deputata Hanan Achrawi e poi il candidato indipendente Mustafa Barghuti, condotto nel commissariato di zona per un interrogatorio. Il presidente Abbas ha già fatto sapere che se Israele impedirà ai palestinesi di Gerusalemme est di votare le elezioni saranno rimandate. Un’eventualità che potrebbe evitare una sconfitta di al-Fatah, e una vittoria degli integralisti di Hamas. Il movimento radicale ha accumulato negli ultimi ultimi mesi un capitale di consensi che aspetta di esser concretizzato.