ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq, Blair ottimista sul possibile ritiro delle truppe

Lettura in corso:

Iraq, Blair ottimista sul possibile ritiro delle truppe

Dimensioni di testo Aa Aa

Le truppe britanniche potranno cominciare a ritirarsi dall’Iraq nel 2006, ma non è ancora possibile fissare un calendario preciso. Lo ha detto il Premier Tony Blair nel corso di una visita lampo a Bassora, a un anno dal suo ultimo viaggio in Iraq. Incontrando i soldati per gli auguri di Natale e i comandanti militari per fare il punto della situazione, Blair ha confermato che l’avvio del ritiro dipenderà dalla capacità delle forze armate irachene di assolvere appieno i loro compiti.E’ la quarta volta che il Premier britannico va in Iraq dall’inizio dell’intervento nel 2003. Blair non è stato l’unico uomo politico occidentale a trascorrere la giornata con le truppe: il Segretario americano alla difesa Donald Rumsfeld ha raggiunto Baghdad proveniente dall’Afghanistan; mentre il Primo ministro polacco Kasimirz Marcinkiewicz ha incontrato, sempre nella capitale, il suo omologo iracheno Ibrahim Jaafari.Gli incontri sono avvenuti all’indomani della consultazione politica del 15 dicembre che, secondo i primi risultati parziali, ha visto l’affermarsi dell’Unione sciita conservatrice. L’esito è stato contestato da 35 gruppi politici, soprattutto di estrazione sunnita ma anche sciita laica, come il partito dell’ex Premier Iyad Allaui. In un comunicato, i gruppi politici chiedono un’inchiesta internazionale su presunte violazioni e irregolarità nel voto; e di sospendere l’attività della commissione elettorale, ritenuta responsabile delle frodi.