ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Inquinamento, il benzene nel fiume Amur arriva a Khabarovsk

Lettura in corso:

Inquinamento, il benzene nel fiume Amur arriva a Khabarovsk

Dimensioni di testo Aa Aa

La chiazza di benzene che da un mese sta inquinando la Cina orientale è arrivata a Khabarovsk, città di 600 mila abitanti nell’estremo oriente russo. Il passaggio del liquido inquinante nel fiume Amur durerà qualche giorno. Gli esperti prevedono che il momento più critico sarà alla vigilia di Natale. La chiazza è composta da cento tonnellate di nitrobenzene fuoriuscito il 13 novembre scorso da un impianto chimico cinese.Le autorità di Khabarovsk hanno costruito una barriera di terra e ferraglia per limitare i danni. Duecento tonnellate di carbone attivo sono state stoccate per filtrare l’acqua. Quattro milioni di bottiglie di acqua potabile vengono distribuite alla popolazione.Ma l’emergenza ambientale continua. Un altro disastro ecologico si è verificato oggi in Cina. A Yingde, nella provincia meridionale di Guangdong, una fonderia di zinco ha rilasciato una grande quantità di cadmio in un affluente del fiume delle Perle. Il cadmio è un metallo usato nelle batterie, considerato dannoso per fegato e reni e, in determinate circostanze, cancerogeno.Numerosi villaggi della zona si sono visti privati dell’acqua potabile. Le autorità cinesi stanno riversando milioni di litri di acqua pulita nel fiume inquinato per diluire la quantità di cadmio e riportarla a livelli tollerabiliper la salute umana.