ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: legale scaricare file in peer to peer

Lettura in corso:

Francia: legale scaricare file in peer to peer

Dimensioni di testo Aa Aa

Sì allo scambio di file, musica e film su internet. L’hanno detto in nottata ideputati dell’Assemblea nazionale francese, votando due emendamenti al progetto di legge sul “peer to peer”. Una legge che il ministro della cultura Renaud Donnedieu de Vabre difende con queste parole: “I diritti di riproduzione delle opere dell’ingegno devono essere acquisiti solo attraverso le pratiche contrattuali”. Una legge contestata, con un voto trasversale, anche da una parte della maggioranza, come Alain Suguenot, deputato Ump:“Penso che gli internauti oggi abbiano diritto alla diversità culturale e, soprattutto i più giovani, devono poter accedere a questo strumento di libertà che è internet. L’applicazione rigorosa della direttiva, secondo me, porterebbe semplicemente a vietare a un gran numero di giovani internauti l’accesso diretto a informazioni che oggi sono fondamentali”.La direttiva cui si riferisce il parlamentare è una norma europea del 2001 che regola il diritto d’autore, ma che non è ancora pienamente applicata. I due emendamenti aggirano la direttiva, consentendo lo scambio libero di file fra internauti previo pagamento forfettario di una “licenza globale”. Sostanzialmente un’estensione della legge che già autorizza chiunque a creare una copia di un cd per usi personali e non commerciali.I primi problemi legati al “peer-to-peer”, cioè l’atto di scaricare un file, come un brano musicale o un film, direttamente dal computer di un altro utente, sono sorti pochi anni fa con Napster, un programma che permetteva di scambiare musica bypassando le case discografiche. Napster, in seguito a una condanna negli Stati Uniti, fu costretto a chiudere. Fatta la legge, trovato l’inganno, di programmi peer-to-peer ne sono nati a profusione, tra i più famosi Kazaa e E-mule.La partita, comunque, non è conclusa. Il governo francese infatti vorrebbe rimettere ai voti i due emendamenti. Anche se la procedura d’urgenza, applicata in questo caso, consente solo un voto per camera.