ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: chiazza di benzene nel fiume a Khabarovsk

Lettura in corso:

Russia: chiazza di benzene nel fiume a Khabarovsk

Dimensioni di testo Aa Aa

Una chiazza di benzene lunga 200 km ha raggiunto la città siberiana di Khabarovsk, diverse settimane dopo l’incidente che si era verificato in una fabbrica chimica della Cina settentrionale. La città, che conta 600.000 abitanti, si è preparata al passaggio dell’enorme chiazza realizzando due barriere, in collaborazione con le autorità cinesi: nel fiume sono stati versati sacchi di carbone attivo, per filtrare l’acqua. Le 100 tonnellate di benzene finite nel fume Shonghua hanno raggiunto il corso dell’Amour, procedendo poi verso nord in direzione di Khabarovsk. Al passaggio nell città cinese di Harbin, che ha mezzo milione di abitanti e si trova vicino al luogo dell’incidente, la chiazza di benzene ha costretto le autorità ad un’evacuazione di massa, e all’approvvigionamento d’emergenza, con enormi carichi di acqua in bottiglia. A Khabarovsk la chiazza arriva dopo, c‘è stato il tempo di prepararsi, ma il passaggio rischia di essere molto più lento: “Ho stoccato dell’acqua la settimana scorsa – dice una residente – ma comincia a intorbidirsi, e ormai è imbevibile”. Molti, come lei, hanno riempito vasche da bagno, bacinelle ed altri contenitori. Ma, per bere, comincia in queste ore la distribuzione degli oltre 4 milioni di bottiglie preparate dalle autorità.