ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un piccolo scandalo getta un'ombra sulla francese Edf, nel giorno del suo ingresso nel Cac 40, l'indice delle blue chipdella Borsa di Parigi.

Lettura in corso:

Un piccolo scandalo getta un'ombra sulla francese Edf, nel giorno del suo ingresso nel Cac 40, l'indice delle blue chipdella Borsa di Parigi.

Dimensioni di testo Aa Aa

Parte delle azioni del gruppo energetico, collocate sul mercato lo scorso 21 novembre, sarebbero state gestite da alcune banche all’insaputa dei clienti. Gli operatori finanziari avrebbero dapprima acquistato i titoli Edf per far salire il prezzo, e poi li avrebbero rivenduti, causando una perdita addebitata poi al cliente.

Dal suo ingresso in Borsa, il titolo non è riuscito a decollare rispetto al livello dell’offerta pubblica iniziale di 32 euro. Da oggi quotate sul listino delle blue chip della Borsa di Parigi, le azioni Edf nel pomeriggio perdono lo 0,85% a 32,58 euro.

“In un caso un cliente si è ritrovato titolare di azioni Edf senza aver chiesto niente. La banca ha successivamente rivenduto i titoli attribuendogli la perdita di 70 euro”, spiega il portavoce dell’associazione francese degli utenti di banca.

Per Madeleine Guidoni, della Consob francese “alcuni risparmiatori, senza domandare che le loro banche facessero operazioni di alcun tipo, si sono ritrovati con azioni Edf sul loro conto titoli”.

Il prezzo del colosso energetico, dal suo ingresso in Borsa alla fine di novembre, è rimasto inchiodato al livello di collocamento, giudicato troppo alto dagli operatori, che non vedono reali margini di guadagno. L’oscillazione del titolo si è mantenuta tra i 31 e i 32 euro e 85 centesimi.