ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bolivia alle urne. Favorito Morales, candidato indigeno e socialista

Lettura in corso:

Bolivia alle urne. Favorito Morales, candidato indigeno e socialista

Dimensioni di testo Aa Aa

Vanno oggi alle urne tre milioni e mezzo di elettori in Bolivia per eleggere il nuovo capo dello stato. I sondaggi della vigilia danno in vantaggio Evo Morales, leader indigeno del Mas, Movimento per il socialismo, primo partito del paese. Morales, che è avvocato, ha un programma che sul piano interno prevede la legalizzazione della coltivazione delle foglie di coca. Sui temi internazionali Morales punta a marcare una netta autonomia del suo paese dalla superpotenza statunitense, tradizionalmente presente nella regione.

A contendere la presidenza a Morales c‘è un manager neo-liberista, Jorge Quiroga. Ingegnere, formatosi negli Stati Uniti, Quiroga conta sul sostegno della pur debole borghesia delle principali città, e di una parte degli imprenditori di Santa Cruz, il principale distretto industriale del paese. In corsa anche un terzo candidato, l’industriale centrista Samuel Doria. Tema centrale, per tutta la campagna elettorale, è stato quello dello sfuttamento dei giacimenti di gas naturale, attualmente in mano a compagnie statunitensi ma che la sinistra vorrebbe nazionalizzare. Se alla tornata di oggi nessun candidato otterrà almeno il 50 per cento, secondo la Costituzione boliviana, la scelta del nuovo presidente passerà al parlamento, nella seduta già fissata per la metà di gennaio.