ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

All'ex premier russo Kassianov sfugge la guida del partito democratico

Lettura in corso:

All'ex premier russo Kassianov sfugge la guida del partito democratico

Dimensioni di testo Aa Aa

Mikhail Kassianov non è riuscito ad imporsi come leader del partito democratico russo. L’ex primo ministro ha accusato il potere di aver sabotato il congresso impedendo ai suoi sostenitori di partecipare alla votazione.

“Oggi le autorità hanno chiaramente dimostrato che hanno paura di ogni movimento sociale e politico, di ogni processo sociale, di ogni evento che sfugga al loro controllo. E questo significa che la democrazia in Russia è in grande pericolo”, ha accusato Kassianov. Kassianov ha riunito i suoi fedelissimi, tra i quali l’ex campione di scacchi Gary Kasparov, in una sala alla perifiria di Mosca. Ma non è riuscito a raggiungere il quorum per essere eletto alla guida del partito. Segretario è diventato Andrei Bogdanov che nel congresso ufficiale ha ottenuto 212 voti su 235. Kassianov, considerato vicino agli oligarchi, è stato primo ministro di Putin per quattro anni e venne rimosso dall’incarico dopo aver criticato l’assalto dello Stato sulla compagnia petrolifera Yukos.