ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Colombia: il governo accetta la trattativa con le FARC sugli ostaggi

Lettura in corso:

Colombia: il governo accetta la trattativa con le FARC sugli ostaggi

Dimensioni di testo Aa Aa

Un filo di speranza per gli ostaggi delle FARC in Colombia. In una conferenza stampa a Bogotà, il presidente colombiano Alvaro Uribe ha accettato il principio di un negoziato in una zona smilitarizzata con le forze armate rivoluzionarie sulla questione degli ostaggi. Una svolta rispetto all’abituale atteggiamento di fermezza dell’esecutivo. La risposta delle FARC non è ancora nota.

“Il governo colombiano accetta questa proposta – ha detto il presidente Uribe -Confesso onestamente che ciò implica una concessione da parte nostra. Lo faccio con grande umiltà, ma anche con senso di responsabilità. Accettiamo di cambiare il nostro tradizionale atteggiamento perché abbiamo fiducia nella comunità internazionale”. Alla fine di novembre il governo aveva detto sì a una commissione internazionale comprendente la Spagna, la Francia e la Svizzera per trovare un accordo con la guerriglia marxista, forte di almeno 17 mila combattenti. Le FARC detengono una sessantina di ostaggi politici, fra cui la franco-colombiana Ingrid Betancourt, ex candidata alle presidenziali colombiane del 2002, rapita durante la campagna elettorale. In cambio della loro liberazione le FARC vogliono ottenere il rilascio dei loro compagni detenuti.