ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Putin a sorpresa in Cecenia: i ribelli sbagliano ad attaccare la Russia che difende l'Islam

Lettura in corso:

Putin a sorpresa in Cecenia: i ribelli sbagliano ad attaccare la Russia che difende l'Islam

Dimensioni di testo Aa Aa

Visita a sorpresa, in Cecenia, del presidente russo Vladimir Putin, giunto a Grozny per la prima assembea dei deputati locali eletti, con un voto controverso, il 27 novembre.

Per rispondere agli indipendentisti, il capo del Cremlino ha messo in evidenza i legami storici fra la Russia e l’Islam: “I russi sono sempre stati degli affidabili difensori degli interessi del mondo mussulmano. La Russia è sempre stata la migliore partner e la migliore alleata dell’Islam. Tentando di distruggere la Russia i nostri oppositori distruggono un importante caposaldo nella lotta del mondo islamico per il riconoscimento dei suoi legittimi diritti sul piano internazionale”. Il presidente russo ha anche promesso una rapida ricostruzione della capitale Grozny è ancora distrutta al 90%. Oggi il capo del Cremlino vuole sancire un’avvenuta normalizzazione, via processo elettorale, che, di fatto, sul campo non c‘è: i 100 mila soldati russi presenti nell’area continuano ad essere attaccati quasi ogni giorno; non esistono statistiche ufficiali sul numero delle vittime. I sequestri di civili continuano ad essere moneta corrente.