ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ante Gotovina: eroe in patria e criminale all'estero

Lettura in corso:

Ante Gotovina: eroe in patria e criminale all'estero

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel suo paese, la Croazia, dove è nato il dodici ottobre del 1955, il generale Ante Gotovina è tuttora considerato un eroe di guerra, un crociato della sovranità nazionale. Un riconoscimento legato alla vittoriosa battaglia per la riconquista della Krajina durante la guerra serbo-croata nel 1995. Ma a quella battaglia, motivo di gloria in patria, sono legati proprio i capi d’accusa per cui Gotovina è ricercato dal tribunale penale internazionale dal 2001.

L’operazione “Tempesta” duro’ tre mesi, durante i quali i suoi uomini uccisero almeno 150 serbi, incendiarono villaggi, saccheggiarono case, commisero violenze d’ogni tipo. Tra i 150 e i 200 mila serbi furono costretti a lasciare la Krajina per la Bosnia Erzegovina e la Serbia. In Croazia Gotovina è stato a lungo protetto dal governo e si è tentato di far passare la sua operazione come la legittima reazione alla precedente conquista da parte dei serbi. A lungo l’Europa ha bloccato i negoziati per l’adesione della Croazia all’Unione europea, proprio a causa della copertura data al generale. Ma in patria, come dimostrano i tanti manifesti di sostegno affissi solo alcuni mesi fa, per molti Gotovina resta un eroe.