ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pena capitale, Usa alla millesima esecuzione, appelli da tutto il mondo

Lettura in corso:

Pena capitale, Usa alla millesima esecuzione, appelli da tutto il mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

Mille esecuzioni capitali. Con la morte di Kenneth Lee Boyd, giustiziato nella notte tra giovedì e venerdì in un carcere della Carolina del Nord, gli Stati Uniti hanno raggiunto una soglia simbolica, che ha sollevato l’indignazione degli oppositori alla pena capitale nel paese e nel resto del mondo.

Appelli sono stati lanciati da organizzazioni per i diritti umani in Europa, Asia e Africa: la pena di morte – dicono – è una barbarie che non ha oltretutto effetto di dissuasione per i criminali. A Raleigh, fuori dal carcere dove è stato giustiziato Boyd, un centinaio di attivisti hanno vegliato, accusando le autorità di compiere un delitto di stato. Boyd, un veterano del Vietnam con problemi di alcolismo, è stato condannato per aver ucciso nell’88 la moglie da cui era separato e il padre della donna. La nuora Kathy Smith, ha assistito all’esecuzione: “Ho visto un uomo gentile, con un buon cuore. Era una persona pronta ad aiutar gli altri”. Durante la manifestazione davanti alla prigione, sono state arrestate circa 16 persone. La pena di morte è stata reintrodotta negli stati Uniti nel 76. Trentotto dei 50 stati americani la applicano, con il favore della maggioranza della popolazione.