ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, verso la millesima esecuzione capitale. Ma calano i favorevoli

Lettura in corso:

Usa, verso la millesima esecuzione capitale. Ma calano i favorevoli

Dimensioni di testo Aa Aa

Mille condanne a morte eseguite in 30 anni. A questo triste primato si stanno approssimando gli Stati Uniti, dove la pena capitale è tornata a essere applicata dopo la moratoria di dieci anni terminata nel 1976.

La soglia della millesima esecuzione potrebbe essere superata questa settimana se uno dei tre prigionieri dei bracci della morte in Ohio, Arizona e Virginia verranno giustiziati. L’opinione pubblica statunitense resta maggioritariamente a favore della pena di morte, ma la tendenza è al ribasso: all’80 per cento di favorevoli di dieci anni fa fa riscontro il 64 per cento di oggi. Dal canto suo, anche la Corte Suprema ha a più riprese limitato l’applicabilità della pena capitale, escludendo i soggetti colpiti da vizio di mente e i minorenni. Oggi 38 stati degli Usa prevedono le esecuzioni capitali, ma sono molti di meno quelli dove effettivamente le condanne trovano esecuzione. Oltre la metà dei giustiziati viene da tre stati: il Texas, la Virginia e l’Oklahoma. Ma il caso di cui più si parla nel paese accade nella California del governatore Scwarzenegger, ed è quello di Stanley Williams, capo di una gang che in prigione è divenuto il riferimento per tanti giovani che hanno abbandonato la criminalità. Scharzenegger non si è ancora pronunciato sulla domanda di grazia.