ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Gran Bretagna si prepara a rilanciare il nucleare. Greepeace protesta

Lettura in corso:

La Gran Bretagna si prepara a rilanciare il nucleare. Greepeace protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

Nucleare, perché no… Tony Blair prepara il terreno a un ribaltamento della politica energentica britannica.

Parlando a una riunione di industriali a Islington il capo del governo di Londra ha spiegato che il boom del prezzo del petrolio e la necessità di ridurre le emissioni di gas a effetto serra costringono il governo a cercare nuove strade: “A partire dal 2020, il Regno unito dovrà disattivare impianti nucleari e a carbone che in totale producono 1/3 del fabbisogno elettrico del paese. Non tutto potrà essere sostituito con fonti rinnovabili”. I militanti ecologisti temono che Blair abbia già deciso di affossare la tradizionale opzione antinucleare della sinistra britannica e cosi Greenpeace si è autoinvitata al convegno di oggi, per dire al governo che “l’atomo non è la giusta risposta”, come recitava lo striscione mostrato durante il convegno. Gli attivisti di Greenpeace sono riusciti a interrompere il primo ministro che ha dovuto cambiare programma e andare in un’altra sala per leggere il proprio intervento. Il nuovo percorso del governo sulla politica energetica si prevede tutto in salita, anche perché su questo lo stesso partito laburista è profondamente diviso.