ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sharon si dimette. Israele andrà al voto il 28 di marzo.

Lettura in corso:

Sharon si dimette. Israele andrà al voto il 28 di marzo.

Dimensioni di testo Aa Aa

28 di marzo. Con l’annuncio ufficiale della data delle elezioni anticipate fornito questo pomeriggio dal presidente Katzav lo stato ebraico si prepara a voltare pagina. Trascinato dalla nuova scommessa di Ariel Sharon che oggi dopo aver presentato ufficialmente al presidente le sue dimissioni da capo del governo ha riunito per la prima volta i vertici del nuovo partito centrista.

Katzav ora ha 21 giorni di tempo per scioglere la Knesset. Il premier è il grande regista di questo momento di svolta destinato a marcare anche i futuri sviluppi del piano di pace con i palestinesi. L’obiettivo, confermato da Sharon poco fa in conferenza stampa, è tra l’altro quello di dare finalmente ad Israele confini stabili e sicuri. Con l’accordo degli Stati Uniti e dell’Autorità nazionale palestinese. Ribadito anche lo smantellamento delle colonie isolate in Cisgiordania.Alla riunione della nuova formazione centrista fondata da Sharon hanno partecipato dieci deputati fuoriusciti dal Likud tra cui il ministro delle Finanze Ehud Olmert e quello della Giustizia Tzippi Livni. Il Likud resta nella mani dell’ex premier Beniamin Netaniahu, strenuo oppositore del ritiro delle truppe israeliane da Gaza.