ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Basescu: La Romania sarà per l'Europa un partner affidabile e sicuro"

Lettura in corso:

Basescu: La Romania sarà per l'Europa un partner affidabile e sicuro"

Dimensioni di testo Aa Aa

Traian Basescu è il presidente della Repubblica di Romania. Liberale, ex capitano della marina mercantile, guiderà il paese per cinque anni. Il suo obbiettivo politico prioritario è quello di traghettare la Romania nell’Unione Europea. Proprio mentre il trattato di adesione è in fase di ratifica, Basescu ha moltiplicato le sue visite nelle capitali europee per consolidare l’appoggio dei paesi membri all’ingresso di Bucarest nell’Unione il I gennaio 2007.

EN: Traian Basescu grazie per aver accettato di parlare con Euronews. La Commissione europea è stata abbastanza critica nel suo ultimo rapporto. All’indice sono stati messi, fra l’altro, gli scarsi progressi nella lotta alla corruzione. Esiste un rischio concreto che l’accesso del paese sia rinviato al 2008. Quali sarebbero per la Romania le conseguenze di una simile decisione? Traian Basescu: “Il governo e io stesso, come presidente della repubblica non possiamo immaginare che la Romania non riesca ad ottemperare ai suoi obblighi e diventare membro dell’Unione entro il primo gennaio del 2007. Mi lasci dire che sono orgoglioso del mio paese. Sono orgoglioso di come la Romania sia riuscita a risollevarsi dopo le inondazioni, di come abbia ricostruito case per moltissima gente rimasta senza niente dopo quella catastrofe. Sono orgoglioso di come il mio paese abbia dimostrato di saper reagire in fretta all’influenza aviaria. Cercheremo di essere un paese sicuro per l’Europa, un paese capace di garantire la sicurezza dei confini”. EN: “La Romania vorra dire la sua sulla politica dell’Unione Europea nella regione”. Traian Basescu: “Abbiamo due priorità, collegate fra loro che interessano la sicurezza nazionale e la sicurezza europea. Queste priorità sono i Balcani occidentali e il Mar Nero. Parlando del Mar Nero intendiamo continuare a mantenere il nostro partenariato con gli Stati Uniti e con la Gran Bretagna che sono le nazioni maggiormente coinvolte negli aspetti strategici dell’area”. EN: “Il segretario di stato americano Condoleeza Rice è attesa questo mese a Bucarest. Quali sono i punti salienti della sua visita?” Traian Basescu: “Condoleeza Rice potrebbe visitare Bucarest a inizio dicembre. Di certo c‘è l’obbiettivo. La signora Rice firmerà un trattato bilaterale inerente le strutture militari americane sul territorio rumeno. È questa la ragione della visita. Discuteremo delle strutture militari usa sulla costa del mar nero e probabilmente in altre zone del paese. Non stiamo però parlando di basi militari nel senso più stretto del termine come lo sono quelle americane in Germania. Si tratta di strutture semplici, con un ridotto contingente di uomini che collaboreranno con l’esercito rumeno, organizzando addestramenti comuni. Pronti a scoraggiare azioni ostili nell’area”. EN: “Il Senato americano e il consiglio d’Europa stanno investigando su ipotetici campi di prigionia della CIA sul suolo rumeno. Qual‘è la sua posizione al riguardo di questo tema che è stato sollevato dall’organizzazione umanitaria: Human Rights Watch?” Traian Basescu: “In Romania non esistono queste strutture e non siamo disposti ad accettare che se ne parli a cuor leggero. Quando qualcuno tira fuori questo discorso dovrebbe farlo con cognizione di causa. Ci sono stati dubbi sollevati sulla località di Mihail Kogalniceanu dove esiste una base militare. Noi abbiamo immediatamente aperto questa struttura ai giornalisti e ad alcuni specialisti. Allora qualcuno ha tirato fuori sospetti su di un’altra base, quella di Timisoara e noi abbiamo messo anche questa struttura a disposizione dei media. Qualsiasi commissione intenda visitare la Romania per informarsi o controllare le nostre basi militari può venire in qualsiasi momento”.