ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strasburgo approva la normativa Reach

Lettura in corso:

Strasburgo approva la normativa Reach

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europarlamento ha votato il nuovo regolamento comunitario sulle sostanze chimiche. Nonostante gli oltre mille emendamenti annunciati il dibattito è andato avanti abbastanza velocemente grazie all’accordo raggiunto previamente dai parlamentari dei gruppi popolare, socialista e liberale. L’acronimo Reach sta per registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche. Il regolamento si propone di registrare entro undici anni 30.000 sostanze, prodotte o importate nell’Unione in quantità superiori alla tonnellata all’anno. Devono invece essere registrate subito le sostanze prodotte in quantità superiori alle mille tonnellate e quelle cancerogene o rischiose per la fertilità. Secondo le stime questo comporterà una spesa di circa 2,3 miliardi di euro all’anno per l’industria chimica, ma anche un risparmio di 50 miliardi in spese sanitarie per le casse pubbliche. Da qui erano sorti una serie di veti incrociati delle lobby chimiche e delle associazioni ambientaliste. Ieri alcune di queste, guidate da una rappresentanza di europarlamentari Verdi, hanno manifestato a Strasburgo accusando il parlamento di aver addomesticato la normativa cedendo alle pressioni dell’industria chimica.