ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, più calma la rivolta delle periferie ma continuano i roghi

Lettura in corso:

Francia, più calma la rivolta delle periferie ma continuano i roghi

Dimensioni di testo Aa Aa

Una nottata più calma del solito, quella trascorsa in Francia. La deriva violenta che da 18 giorni si è impadronita delle periferie urbane è diminuita sia a Parigi che in provincia, ma lo stesso le azioni aggressive non sono mancate.

A Tolosa una automobile in fiamme è stata lanciata contro una scuola materna del quartiere della Reynerie. Per fortuna si contano solo danni materiali. Nello stesso dipartimento dell’Alta Garonna sono state incendiate una decina di automobili ed arrestate dieci persone. Il coprifuoco notturno per i minorenni resta in vigore in una quarantina di città in tutto il paese, ma la misura non pare capace di impedire nuovi atti aggressivi. A Venissieux, nella periferia lionese, sono state date alle fiamme alcune autovetture, mentre è stata più tranquilla la notte a Lione, dove sabato sera si erano verificati scontri nel centro della città. Oggi si riunisce il Consiglio dei ministri, per esaminare gli effetti della proclamazione dello stato d’emergenza e l’eventualità della sua proroga, mentre da Bruxelles arriva la notizia che la Commissione europea ha stanziato 50 milioni di euro per far fronte ai danni.