ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Federal Reserve alza per la dodicesima volta il costo del denaro negli Stati Uniti.

Lettura in corso:

La Federal Reserve alza per la dodicesima volta il costo del denaro negli Stati Uniti.

Dimensioni di testo Aa Aa

Stati Uniti e Europa. Due economie. Due diverse politiche monetarie.La Federal Reserve ha annunciato un nuovo rialzo dei tassi di interesse americani. Il Fed Found, il tasso principale, guadagna un quarto di punto attestandosi al 4%.

Il grafico mostra l’andatura dei tassi a partire dal gennaio 2003. Si è passati da 1,25% all’odierno 4%. Ritocchi successivi che hanno accompagnato la crescita americana. Diversa la politica seguita dalla BCE che da metà 2003 non ha modificato il costo del denaro attirandosi le critiche di chi chiedeva una politica piu attiva per sostenere l’economia del Vecchio Continente. L’intervento odierno della Federal reserve era atteso e non modifica la politica dell’istituto il cui presidente Alan Greenspan è in scadenza di mandato. Il dodicesimo ritocco consecutivo dal giugno 2004 del costo del denaro Usa è stato favorito dai nuovi confortanti dati sull’economia americana con i consumi che segnano un +3,9% e con la crescita del prodotto lordo che tocca +3,8% oltre le piu rosee previsioni. Il comparto manifatturiero registra poi un calo decisamente inferiore alle attese confermando la salute di cui gode questo settore strategico dell’industria statunitense. Ora con il cambio della guardia al vertice della Fed fissato per il prossimo 31 gennaio l’incertezza si concentra sulla politica che il successore di Greenspan Ben Bernanke intenderà seguire. Gli analisti scommettono su una sostanziale continuità anche se Bernanke potrebbe decidere di non ostacolare in modo deciso come il predecessore il rialzo dei prezzi.