ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Lasciato lo Yucatan, Wilma punta verso Cuba


mondo

Lasciato lo Yucatan, Wilma punta verso Cuba

Wilma punta adesso su Cuba. Dopo aver imperversato per quasi tre giorni sulla penisola dello Yucatan, le avvisaglie dell’uragano – forti piogge e le raffiche di vento – si avvertono da stamani nell’isola caraibica. Il piano di evacuazione delle zone più esposte è stato messo in atto. Deserti i villaggi, anche se qualche fatalista non manca. “Paura, io? Paura di che? – dice un uomo – Se il ciclone arriva basta essere pronti”.

Retrocesso al secondo livello della scala degli urgani, la traversata di Wilma del golfo del Messico potrebbe essere molto rapida, visto che nel frattempo ha riaquistato velocità e procede a 13 chilometri all’ora. A contatto con le acque del golfo, Wilma potrebbe ridimensionarsi ulteriormente a forza 1 o riprendere vigore riguadagnando forza 3.

Tutto è pronto comunque in Florida, dove il ciclone dovrebbe arrivare domani. Si tratta del settimo uragano che si abbatte contro lo stato negli ultimi 14 mesi. Il governatore Bush ha dichiarato lo stato d’emergenza Cresce il bilancio delle vittime nello Yucatan. Dopo le prime ottimistiche notizie, salgono a otto i morti, due persone sono date ancora per disperse, almeno cinque sono i feriti. Il ritorno alla normalità sembra ancora lontano.
Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Cinquanta anni del festival dell'Eurovisione, vince il brano Waterloo