ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'H5N1 vicino a Mosca. In Ungheria sperimentato un prototipo di vaccino

Lettura in corso:

L'H5N1 vicino a Mosca. In Ungheria sperimentato un prototipo di vaccino

Dimensioni di testo Aa Aa

L’H5N1 è arrivato alle porte di Mosca. Il virus dell’influenza aviaria trasmissibile all’uomo è stato individuato in 7 allevamenti di anatre di Iandovka, a meno di 300 km dalla capitale russa.

Anche il secondo focolaio d’infezione scoperto in Romania, a Maliuc, sul delta del Danubio, è ormai certo che sia legato allo stesso agente patogeno. L’H5N1 è stato isolato per la prima volta ad Hong Kong nel ’97. Negli ultimi 3 anni, in Asia, ha provocato una sessantina di morti. Le migrazioni degli uccelli stanno portando la malattia in Europa. Alcuni paesi, come la Germania, reagiscono vietando l’allevamento di pollame all’aperto, per evitare ogni contatto con uccelli selvatici. In Grecia, la scoperta del virus sull’isola di Oinuse ha destato grande allarme. Il ministro della sanità Nikitas Kaklamanis si è recato sul posto e ha pranzato davanti alle telecamere. Per secondo, una ricetta locale a base di pollo. Il messaggio è: calmare gli animi. Anche a livello europeo si tende a evitare la diffusione del panico, ma intanto le agenzie di Bruxelles si organizzano. Una esercitazione è in programma entro la fine dell’anno per verificare le capapcità di reazione dell’Unione in caso di crisi sanitaria legata al virus. E una notizia rassicurante viene dall’Ungheria: un prototipo di vaccino specifico contro l’influenza aviaria sarebbe stato sperimentato con successo sull’uomo.