ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Pakistan: non c'è riparo per tutti i profughi, secondo Islamabad

Lettura in corso:

Terremoto in Pakistan: non c'è riparo per tutti i profughi, secondo Islamabad

Dimensioni di testo Aa Aa

Impossibile dare un riparo a tutti. A dirlo sono le stesse autorità del Pakistan, dove oltre due milioni di persone sono rimaste senza tetto a causa del forte terremoto che ha colpito il paese sabato.

Almeno 25 mila finora le vittime secondo Islamabad. Secondo altre fonti locali sarebbero il doppio. Oltre 63 mila i feriti. Decine di migliaia di profughi stanno abbandonando il Kashmir, la regione tra India e Pakistan, dove si trovava l’epicentro del sisma. Si dirigono verso le grandi città, o i centri di soccorso. Da Balakot, poco lontano dall’epicentro del sisma, gli elicotteri continuano a portare via i feriti, anche se molte strutture ospedaliere sono danneggiate nel paese. In novembre inizia l’inverno in quest’area, e in molti villaggi è già caduta la prima neve. A sei giorni dal sisma i soccorsi non hanno raggiunto alcune zone perdute nelle montagne, mentre le strade continuano a rimanere impraticabili. Le nazioni unite hanno convocato una conferenza speciale al fine di raccoglier 230 milioni di euro per una situazione definita “disperata”.