ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ribelli ceceni assaltano Nalcik: decine i morti

Lettura in corso:

Ribelli ceceni assaltano Nalcik: decine i morti

Dimensioni di testo Aa Aa

La guerriglia indipendentista cecena ha rivendicato gli assalti di Naltcik, capitale della repubblica caucasica della Cabardino-Balkaria, dove stamane si è scatenata una guerriglia urbana tra un gruppo formato da 150 ribelli e le forze di polizia. Ora la situazione è ritornata alla normalità ma il bilancio è grave: 50 morti tra i membri del commando e almeno 12 vittime tra la popolazione civile. I feriti sono oltre 50.

Tutto ha avuto inizio dopo l’uccisione a Naltcik da parte delle forze federali di alcuni estremisti islamici. La reazione dei ribelli ceceni è stata imprevista e violenta. Hanno preso d’assalto e occupato il commissariato. Altri edifici amministrativi locali hanno subito la stessa sorte. Immediata la risposta degli agenti che hanno ingaggiato una sparatoria strada per strada con i membri del commando. Le forze dell’ordine hanno impedito che andasse a buon fine l’assalto all’aeroporto e, per precauzione, hanno evacuato tutte le scuole del centro, nel timore di un sequestro analogo a quello del settembre 2004 nella scuola numero 1 di Beslan nell’Ossezia del Nord. In Cabardino-Balkaria la grande maggioranza degli 800 mila abitanti è musulmana. La rivendicazione è stata fatta con un breve comunicato fatto recapitare a un sito internet vicino a ribelli ceceni.