ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'opposizione kazaka critica Rice: più attenta al petrolio che alla democrazia

Lettura in corso:

L'opposizione kazaka critica Rice: più attenta al petrolio che alla democrazia

Dimensioni di testo Aa Aa

In Kazakhstan più per il petrolio che per la democrazia. L’opposizione kazaka non ha riservato un trattamento di favore a Condoleezza Rice, giunta stamane ad Astana, quarta tappa del suo tour asiatico. Accoglienza calorosa invece per il segretario di stato americano, da parte del presidente kazako Noursoultan Nazarbaiev. Nella conferenza stampa congiunta Rice ha ribadito la necessità di libere elezioni.

“Il processo per raggiungere questo obiettivo non inizia il giorno delle elezioni. Deve essere preceduto dalla capacità dell’opposizione di organizzarsi, dall’accesso dell’opposizione ai media, in modo che gli elettori possano davvero scegliere”. Il Khazakhstan è in una posizione strategica per gli interessi americani in Asia. Nel 2001 ha aperto il proprio spazio aereo alla coalizione impegnata in Afghanistan. E poi c‘è il petrolio. Le grandi compagnie statunitensi hanno investito ingenti capitali nelle istallazioni sul mar Caspio. Rice non vi ha fatto cenno ma è evidente l’intenzione di Washington di metterle a riparo da qualunque rischio. In Kazakhstan le elezioni presidenziali sono in programma il 4 dicembre prossimo. Nazarbaiev, in carica dal 1989, si ricandida per un altro mandato settennale. L’opposizione denuncia la mancanza di libertà democratiche.